Palazzo Panitteri

Palazzo Panitteri

Descrizione

Di fronte la Chiesa di San Michele si trova il Palazzo Panitteri: «…Si comprende in questa parte del paese la Chiesa di San Michele, dirimpetto alla quale è posta l’antica casa, un tempo del sacerdote don Bartolo Truncali, circondata da quattro vie: Largo San Michele, Via Panitteri, Vicolo Calcara, Via Gaspare Puccio, oggi posseduta dagli eredi di don Pietro Anodei Panitteri». Questa è la descrizione del palazzo che noi battezziamo – essendo appartenuto a tre ceppi diversi – «Truncali-Panitteri-Amodei», fatta alla fine del secolo da uno studioso di topografia, l’abate Vito D’Amico. Il D’Amico con questa nota ci mette sulla traccia delle origini del Palazzo. Ci conferma, intanto, che il palazzo appartenne ad un prete, don Bartolo Truncali. Si sa di questo prete che fu nipote di un omonimo zio molto potente che visse a cavallo tra il XVI e il XVII secolo. Di costui si sa ancora che abitò il detto palazzo dopo averlo assestato nella struttura in cui si può ammirare ancora a tutt’oggi. Il Palazzo, comunque, dovette preesistergli di sicuro e fu certamente costruito come torrione di avamposto lungo le mura chi circondavano la cittadella di ZABUT sino al periodo in cui ebbe inizio la sua espansione dopo la distruzione di Ardagna, avvenuta nell’autunno del 1411. Spostate a sud le mura di Sambuca, il Palazzo si trovò al centro del nuovo agglomerato che andava sorgendo tutt’intorno. Adibito, da fortezza, a palazzo di civile abitazione subì ritocchi stilistici, rimanendo intatte le strutture murarie. Il Palazzo conserva la forma quadrangolare che racchiude un ampio cortile. Da due lati il cortile è delimitato da alte mura – Vicolo Calcara e Via Gaspare Puccio – rivestite da folti ciuffi di edera. Gli altri due lati sono delimitati, da una parte, dal corpo centrale del Palazzo che si affaccia sulla Via Panitteri con un superbo frontespizio; dall’altro dalla fiancata Nord che dà sul Largo San Michele. La coda di questa fiancata risulta di recente rifacimento. Molto probabilmente il palazzo subì qualche grosso guasto per cui fu necessario demolire la parte fatiscente e sostituirla con un’ala che forse fu adibita agli inizi del secolo come «dipendenza» per la servitù. È molto evidente la deturpazione. Nell’interno del cortile si aprono, nel piano terra, vasti magazzini. Un’ampia scala di stile catalano porta al piano superiore, che comprende una zona soggiorno costituita da una grande sala adiacente alla cucina e alle dipendenze di servizio; una zona per grandi ricevimenti costituita da un superbo salone con soffitto a cassettone, pareti dipinte, pavimento in ceramica antica. Il salone viene servito di luce dal balcone centrale del palazzo: e, infine una zona costituita da sale da letto. L’arte e le strutture del Palazzo Trunacli-Panitteri-Amodei sono caratterizzate da linee attinte al tardo rinascimento siciliano e da forti vocazioni verso quel vago senso del nuovo che poi avrà la sua concreta fioritura nel barocco isolano, sobrio, austero e monumentale. Per la storia va detto anche che il palazzo appartenne ad un illustre prelato, Don Giuseppe Panitteri, Cianuro della Cattedrale di Girgenti, vicario generale della diocesi omonima, procuratore generale del Marchese Beccatelli, grande archeologo e mecenate. Nella Valle di Girgenti acquistò l’area dell’ex monastero di San Nicola, vi eresse una villa – l’attuale area su cui insiste il Museo Nazionale – e vi promosse campagne di scavi. Nacque il due di ottobre del 1767. Dal 1795 al 1828, anno della sua morte, visse a Girgenti, l’attuale Agrigento.

Modalità accesso

Accesso per disabili

Luogo

Via Panitteri, 1, 92017 Sambuca di Sicilia AG

Ulteriori dettagli

Ultimo aggiornamento: 25/08/2023, 17:12

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri

Usiamo i cookies e altre tecniche di tracciamento per migliorare la tua esperienza di navigazione nel nostro sito, per mostrarti contenuti personalizzati e annunci mirati, per analizzare il traffico sul nostro sito, e per capire da dove arrivano i nostri visitatori.